Indirizzo Musicale -Secondaria

IL CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE flauto traverso pianoforte sassofono violino

La scuola media Foscolo attua – in linea con gli obiettivi dell’insegnamento della musica in generale che prevedono “fondamenti della tecnica di uno strumento musicale” e coerentemente con il nuovo piano ordinamentale – un ampliamento dell’offerta formativa con un corso triennale ad indirizzo musicale che prevede lo studio di uno dei seguenti quattro strumenti: pianoforte, violino, flauto traverso e sassofono.

Un pò di storia: L’esperienza delle Scuole Medie ad Indirizzo Musicale è nata come sperimentazione quasi 30 anni fa; erano pochissime scuole ad attuarla e fra queste, a Roma, ci fu la scuola media Foscolo. Era il 1979; da quel momento la diffusione delle SMIM si è fatta sempre più capillare e da sperimentali i corsi passarono ad ordinamento nel 1999 (Legge n.124 del 3/5/99 e D.M. n.201 del 6/8/99). Fu il giusto e dovuto riconoscimento ad una linea pedagogica che si era dimostrata negli anni valida ed efficace. I corsi ad indirizzo musicale erano divenuti infatti una realtà del percorso didattico-educativo di eccezionale qualità per l’intero sistema scolastico del nostro paese. In tutti questi anni  migliaia di ragazzi hanno avuto la possibilità di affrontare nella loro scuola media, lo studio di uno strumento musicale in modo qualificato e approfondito, integrando e collegando questa disciplina musicale con le altre discipline del curricolo, attivando un percorso educativo importante e determinante per la loro formazione e non una semplice esperienza marginale ed isolata. L’esperienza eccezionale poi della “Musica d’Insieme”, attivata in queste scuole, ha consentito a tanti ragazzi di suonare in piccoli e grandi gruppi musicali e di partecipare in vere e proprie formazioni orchestrali a esperienze come saggi, concerti, rassegne, concorsi e gemellaggi con altre scuole.

Come è organizzato: Il corso si svolge in orario pomeridiano al temine dell’orario didattico del gruppo classe. Le lezioni di strumento sono infatti individuali o per piccoli gruppi: sono previste due ore di lezione settimanali di cui – compatibilmente con il numero complessivo di alunni per corso di strumento – una individuale e una collettiva per ogni alunno. Con il progredire delle capacità tecniche gli allievi vengono inseriti nella formazione orchestrale della scuola, trattenendosi a scuola per un’altra ora settimanale a seconda degli impegni per la preparazione di concerti, rassegne e concorsi previsti per l’anno in corso. Ove l’orario delle lezioni lo consenta gli alunni di strumento potranno fusufruire del servizio mensa. Gli alunni del corso di strumento non devono necessariamente appartenere allo stesso gruppo classe, possono provenire sia dalle classi a tempo normale sia da quelle a tempo prolungato ma è auspicabile che si formi un’unica classe tutta ad indirizzo musicale perchè condividere l’esperienza musicale con i propri compagni crea una coesione formidabile che stimola l’impegno e la voglia di migliorarsi.

Finalità formative dell’insegnamento strumentale:
promuove la formazione globale dell’individuo offrendo, attraverso un’esperienza musicale resa più completa dallo studio di uno strumento, occasioni di maturazione logica, espressiva e comunicativa, di consapevolezza della propria identità e quindi di capacità di operare scelte;
consente una coerente appropriazione del linguaggio musicale nella sua globalità, come mezzo di espressione e comunicazione, di comprensione partecipata dei patrimoni delle diverse civiltà, di sviluppo del gusto estetico e del giudizio critico;
integra il modello curricolare con percorsi disciplinari che sviluppino nell’alunno oltre alla dimenzione cognitiva anche quella pratico-operativa, quella estetico-emotiva, quella improvisativo-compositiva;
fornisce ulteriori occasioni di integrazione e di crescita ad alunni in situazione di svantaggio ma permette anche di potenziare e valorizzare le eccellenze.

————————–

Integrazione al Regolamento d’Istituto:

Delibera del C.d.I. del 4 maggio 2009:

Omissis

Si aggiunge al Regolamento d’Istituto il seguente articolo:

Qualora gli alunni di strumento musicale non fossero stati in grado di confermare con il necessario impegno e rendimento (con profitto almeno sufficiente e/o con un numero di assenze inferiori a un terzo massimo), l’idoneità conseguita nelle prove attitudinali, su indicazione del docente di strumento e su delibera del Consiglio di Classe competente, non potranno proseguire il corso ad indirizzo musicale.

Approvato all’unanimità.

Omissis